Avrai certamente notato che in Taskomat™ riportiamo sempre due tipologie di tariffe: la tariffa iniziale e la tariffa reale. Tali grandezze sono riportate ovunque ci sia da fare analisi sulla propria tariffa oraria: dashboard, dettaglio work unit, dettaglio progetto, dettaglio cliente.

La tariffa iniziale è la tariffa a cui hai venduto la tua work unit. Nel dettaglio work unit è semplicemente la tariffa di riferimento della work unit, mentre nelle altre sezioni è la media delle tariffe di riferimento delle work unit considerate. Nel dettaglio progetto è la media delle tariffe a cui hai stimato le work unit del progetto, mentre nella dashboard è la media delle tariffe di riferimento dei task a cui hai lavorato.

La tariffa reale è la tariffa a cui hai effettivamente lavorato. Nella dashboard è la tariffa a cui hai lavorato durante il giorno, mentre nel dettaglio work unit, progetto e cliente è la media delle tariffe reali di tutti i task a cui hai lavorato.

Il modo migliore per spiegare la differenza tra queste due grandezze è attraverso un esempio:

In una work unit ho una tariffa di 50€/ora e creo un task di 1 ora. Questo task ha un valore di 50€ e la sua tariffa iniziale è appunto di 50€. Se porto a termine questo task in mezz'ora, la sua tariffa reale sarà di 100€/ora, perché ho creato lo stesso valore in metà del tempo.

A fianco di queste due grandezze trovi sempre una grandezza percentuale: lo scostamento. Finché lo scostamento rimane positivo, significa che la tua tariffa reale è maggiore di quella iniziale, per cui stai performando bene; mentre se scende sotto lo zero vuol dire che la tua tariffa reale è più bassa di quella iniziale e occorre quindi rivedere alcune cose.

.

➔ Se vuoi iniziare ad ottenere subito il massimo da Taskomat™, partecipa al prossimo webinar demo oppure prenota una demo call 1to1
È stato utile questo articolo?
Annulla
Grazie!